La Provincia in prima linea a tutela dei lavoratori Papergroup e apertura di un tavolo regionale

La Provincia in prima linea a tutela dei lavoratori Papergroup e apertura di un tavolo regionale

LUCCA – I lavoratori della Papergroup e la Cgil hanno incontrato il presidente della Provincia Luca Menesini sia durante il loro presidio in piazza Napoleone sia dopo, in una riunione che si è svolta a Palazzo Ducale e che era allargata anche ai consiglieri regionali Ilaria Giovannetti e Stefano Baccelli (Pd), Elisa Montemagni (Lega Nord) e Gabriele Bianchi (Movimento Cinque stelle).

 

La Papergroup, da quasi tre mesi, ha depositato in Tribunale la domanda di ammissione al concordato in continuità e in bianco, per la quale sta attendendo la decisione sull’ammissione o il respingimento. Nel caso di respingimento si aprirebbe una fase veramente difficile per i 150 lavoratori dei tre stabilimenti di San Gennaro, Coselli e Carraia.

 

Ma anche così non è che la situazione sia molto migliore. Come hanno fatto presente i rappresentanti sindacali e i lavoratori al presidente Menesini, infatti,  oltre a non sapere se l’azienda sarà ammessa al concordato, si sa che l’azienda punta alla riduzione dei costi guardando esclusivamente ai tagli dei posti di lavoro e non a un piano di rilancio aziendale. Questo, di fatto, comporterà il licenziamento di 50-60 persone. «Non solo – dicono i sindacalisti – se non verrà presentato un piano industriale, non ci sarà la possibilità di accedere alla cassa integrazione che già, con il Jobs Act è diventata molto più difficile, ma così diventa proprio impossibile».

 

Insomma, una situazione che rischia nel giro di poco tempo di divenire drammatica per molti lavoratori impiegati nella Piana. Non solo: questa crisi va a interessare anche tutto l’indotto e, quindi, rischia di creare una vera e propria emergenza occupazionale.

 

«Credo che sia fondamentale mantenere uno stretto contatto con il sindacato e gestire insieme questa crisi – afferma il presidente della Provincia Luca Menesini, parlando con i lavoratori in piazza Napoleone -. Questa crisi è piovuta sul territorio in maniera abbastanza inaspettata e dobbiamo impegnarci insieme affinché si risolva nella maniera migliore possibile».

 

Nel corso della riunione che si è svolta a Palazzo Ducale, oltre all’interessamento dell’ente provinciale che si impegnerà al massimo delle sue possibilità per la tutela dei lavoratori, il sindacato ha ottenuto anche l’apertura di un tavolo a livello regionale, che possa far sì che invece di parlare di tagli occupazionali, si parli di piano industriale.

 

Il prossimo incontro che sarà convocato in Provincia, infatti, punta a fare chiarezza sulla situazione, a stemperare i rapporti tra lavoratori e dirigenza, nonché a mettere in campo tutte le azioni possibili per la salvaguardia dei posti di lavoro. Al vertice sarà invitato anche Gianfranco Simoncini, consigliere per le politiche del lavoro del Governatore regionale Enrico Rossi.

 

 

 

 

 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter

Creocoworking