I carabinieri denunciano due cacciatori di frodo in azione nel parco di Corfino

I carabinieri denunciano due cacciatori di frodo in azione nel parco di Corfino

GARFAGNANA – I carabinieri hanno scoperto – e denunciato – due cacciatori di frodo che stavano cacciando all’interno del parco Corfino. Il fatto è avvenuto nella mattinata di ieri, quando i carabinieri del gruppo forestale della Stazione Parco Corfino hanno attuato un’attività mirata proprio a bloccare il fenomeno della caccia non autorizzata, ma anche nell’ambito di un progetto più ampio, dal nome ‘Life-Mirco’, che prevede il monitoraggio del lupo.

 

E’ così che nella rete dei carabinieri sono finiti un quarantenne di Castelnuovo Garfagnana, incensurato e di professione operatore turistico e un ventunenne di Sillano-Giuncugnano, operaio e anche lui incensurato, il quale, non avendo nemmeno gli obbligatori permessi di caccia, è stato denunciato anche per furto venatorio.

 

I due erano stati notati lo scorso 17 gennaio, dopo un servizio di controllo effettuato anche grazie a un dispositivo di fototrappola, installato sul fusto di una pianta nell’area del parco dell’Appennino Tosco-Emiliano e della riserva naturale ‘Lamarossa’. In quell’occasione, i due cacciatori di frodo erano stati ripresi mentre stavano cacciando e stavano tranquillamente recuperando la carcassa di un cinghiale di piccola taglia.

 

Grazie alle immagini, i militari dell’Arma sono riusciti a risalire agli autori  di questa battuta non autorizzata e hanno appurato che, mentre si stava svolgendo una battuta questa volta autorizzata, avevano approfittato per entrare nell’area protetta per prendere il cinghiale di cui i carabinieri hanno visto recuperare la cassa. I carabinieri, infatti, spiegano che recuperare una carcassa all’interno di un’area protetta è comunque vietato, poiché rappresenta a tutti gli effetti attività venatoria.

 

 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter

Creocoworking