Giannarelli (M5S): ‘Un’altra strada è possibile per il pulper’

Giannarelli (M5S): ‘Un’altra strada è possibile per il pulper’

LUCCA – «Le alternative all’incenerimento del pulper esistono e sono l’unica strada per rendere il distretto cartario un modello di economia circolare, con benefici evidenti per imprese e cittadini»: lo dice Giacomo Giannarelli, consigliere regionale M5S e vicepresidente della Commissione Ambiente e Territorio, a commento di un suo atto di indirizzo sul tema in presentazione in Consiglio regionale.

«Il pulper è composto per il 70% da plastiche e il 30% da cellulosa – dice -, entrambi materiali recuperabili, inoltre, come spiegato da Enea, rappresenta solo il 7% del macero. Questo, unito al tema dell’umidità (che per legge deve essere oltre il 30%) ci limita l’orizzonte del pulper prodotto in provincia di Lucca a circa 63.800 tonnellate l’anno. Un quantitativo che rende insostenibile la scelta inceneritorista, anche sul piano economico – sottolinea il Cinque Stelle – mentre apre scenari di profitto e opportunità per impianti “low technology” di recupero o piattaforme con sistemi di selezioni in acqua, come SCA Packaging sperimentato 15 anni fa nel territorio».

«Se alziamo gli occhi e guardiamo alla Provincia di Treviso – prosegue il pentastellato – troviamo già un modello di economia circolare da copiare, in Provincia di Treviso, con 35mila tonnellate l’anno di pulper trattabili tramite selezione e vibro vagliatura per recuperare tutto il recuperabile e immetterlo nuovamente nel ciclo produttivo” precisa Giannarelli che aggiunge “senza considerare che un buon accordo tra enti locali, imprese del cartario e Conai-Comieco renderebbe possibile ridurre il 15% dell’intera produzione di pulper solo con le buone pratiche. Per dirne una: differenziare il cartone dal mix di carta mista negli uffici regionali e nei Comuni. Solo così si riduce l’impurità del pulper e cresce persino il quantum corrisposto da Conai».

Giannarelli spiega che «Il Distretto Cartario e in esteso la lucchesia hanno bisogno di trovare risposte serie e di lungo respiro su tutte le problematiche che la caratterizzano da decenni: l’incenerimento non è niente di questo, come non lo sono gli assi viari il cui secondo lotto è ancora oggi tutto da progettare. Le soluzioni ci sono, basta avere il coraggio di prenderle: per evitare gli assi viari basterebbe riprendere la proposta dell’autostrada free slot per i camion e tir del distretto cartario, la portammo in Consiglio regionale ma il PD di Baccelli disse no. Con lo stesso spirito raccoglieremo lo spunto della aziende che puntano alla mobilità su ferro e chiederemo alla Regione di premere con RFI per aumentare la lunghezza dei treni merci, portando la composizione da 17 a 19 vagoni. Una misura che -conclude – renderebbe finalmente il trasporto merci ferroviario più conveniente di quello su gomma».

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter