Emergenza abitativa: il Comune di Viareggio pubblica il bando per 20 abitazioni

Emergenza abitativa: il Comune di Viareggio pubblica il bando per 20 abitazioni

VIAREGGIO – Pubblicato il bando (scadenza 28 giugno) per l’assegnazione di 20 abitazioni ad altrettante famiglie in condizioni di emergenza abitativa: dopo un mese dall’approvazione in Consiglio Comunale del nuovo Regolamento per l’Emergenza Abitativa, è on line il primo dei tre bandi che l’amministrazione aprirà nel corso del 2018 per intervenire sulle situazioni più urgenti e drammatiche che si verranno a determinare nelle finestre temporali prese di volta in volta in considerazione.

 

Al bando può partecipare anche chi è in possesso dei requisiti per l’accesso alle case popolari ma con l’aggravante di risultare destinatari di un provvedimento munito di formula esecutiva con obbligo di rilascio dell’alloggio programmato a partire dal 1 febbraio 2018 e fino al 30 giugno 2018 (in sostanza di uno sfratto esecutivo).

 

Gli interventi di Emergenza Abitativa si vanno così ad aggiungere ad altre due azioni di sostegno alle famiglie in difficoltà abitativa che il Comune ha lanciato nel corso delle ultime settimane.

 

La prima consiste nel nuovo bando per contributi economici regionali integrativi dei canoni di locazione per l’anno 2018 (scadenza 22 giugno 2018). La seconda, nel nuovo bando per contributi economici statali volti a ridurre la morosità incolpevole (a sportello).

 

Data la complessità degli strumenti e delle procedure, i cittadini interessati sono stati invitati a rivolgersi direttamente all’Ufficio Casa del Comune di Viareggio per avere le opportune delucidazioni e, nel caso, per essere aiutati nella corretta compilazione della modulistica.

 

«Si rafforza in questo modo la strategia di contrasto alla povertà abitativa che abbiamo elaborato e che si fonda su una graduazione e differenziazione degli interventi in modo da poter garantire risposte appropriate ai vari livelli di difficoltà – dichiara l’assessore al Welfare Gabriele Tomei – : da quelle più gravi a cui oggi rispondiamo con l’Unità di Strada e con l’Asilo Notturno, alle emergenze abitative di tipo sociale a cui rispondono le coabitazioni di Via Tosca e del Ferrhotel, alle case di edilizia residenziale pubblica. Una strategia che non avrebbe potuto trovare gambe senza il supporto dell’Ufficio Casa – continua l’assessore – che sta svolgendo un lavoro egregio sia per la produzione e gestione dei nuovi bandi sia per il monitoraggio delle situazioni di irregolarità ancora presenti».

 

A questo ventaglio di interventi si aggiungerà a breve il bando per l’assegnazione a canone agevolato di immobili di proprietà comunale il cui regolamento è stato approvato dal Consiglio Comunale nei primi giorni di giugno 2018.
«Una misura che abbiamo voluto fortemente per rispondere all’esigenza di quelle famiglie che pur non sperimentando gli stessi livelli di svantaggio di quelle che fanno richiesta di alloggi popolari, tuttavia non hanno una situazione economica che gli consente di accedere al libero mercato immobiliare. Pur nelle difficoltà del dissesto – conclude Tomei – vogliamo recuperare gli immobili pubblici abbandonati, restituirli alla loro funzione abitativa e valorizzarli a fini sociali attraverso un meccanismo finanziario che utilizza i proventi dei canoni come leva per ulteriori recuperi».

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter

Creocoworking