Fazzi: “Cittadinanza onoraria anche D’Alessandro e Traini”

Fazzi: “Cittadinanza onoraria anche D’Alessandro e Traini”

LUCCA –  Pietro Fazzi oggi propone una riflessione sull’assegnazione del conferimento della cittadinanza onoraria:

“Per quanto diverse, le realtà culturali più rilevanti della Lucca del dopoguerra sono, a mio avviso, l’Associazione Musicale Lucchese, il Salone dei Comics e il Summer Festival.
Gli ideatori e promotori sono rispettivamente Herbert Handt, Rinaldo Traini e Mimmo D’Alessandro.
A Herbert Handt abbiamo conferito la cittadinanza onoraria e troverei giusto fare altrettanto per Rinaldo Traini e per Mimmo D’Alessandro.”

8 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

8 Commenti

  • Pietrinopride
    12 luglio 2017, 13:59

    Almeno lui la città la rese più bella e pulita…specie circonvallazione

    RISPONDI
  • marisa
    12 luglio 2017, 12:20

    "Un sindaco gigante alto due metri e ……. quattro
    che non vuole far suonare
    che non vuole molta bolgia
    lui però ci fa sentire…
    sette volte all’anno Giorgia!" (cit)

    RISPONDI
  • Aquaman
    11 luglio 2017, 21:51

    Trovo il Fazzi, uno dei mali fondamentali del centro destra di Lucca e per molti aspetti l’azione amministrativa l’aveva adattata alle proprie esigenze politiche, quindi lo boccio completamente e sono contento che sia tornato un semplice cittadino, sperando che si tolga definitivamente di torno e che la sua rimanga solo una pagina storica per la città. Però in questo caso specifico non posso dargli torto, credo che personaggi che in questi 20 anni hanno fatto grande o almeno hanno aiutato Lucca nel suo percorso internazionale vadano premiati e riconosciuti come cittadini Lucchesi. Anche se tutti si sono prodigati anche economicamente, nulla di francescano…

    RISPONDI
    • manara@Aquaman
      11 luglio 2017, 23:22

      si sono prodigati stocatso.
      Tutti con i soldi di noi tutti, nessuno che abbia investito del suo. Tutti strapagati con soldi pubblici. Documentati. Soldi di noi tutti, per cui poi dovrebbero avere onori, glorie e cittadinanze onorarie???
      Ma ci fate o ci siete? O il buon Fazzi, di cui tutti lodiamo la decisione di essersi tirato fuori da tutto – ed era l’ora – , è talmente amico a Mimmo, con cui si fa immortalare in ogni ambiente, da spingere perfino in una sua beatificazione lucchese? Poverino, che fine ingloriosa, povero zar di tutte le Lucche.
      Sapete che c’è? Fa cha fate ride e fate schifo, non so quale è la meglio.
      Traini da Roma, miliardi di lire. Mimmo da Somma vesuviana, milioni di euro, PECCATO. TUTTI SOLDI NOSTRI. Potremo anche non essere d’accordo u santificazioni e beatificazioni, o Pietro il grande vuole continuare ad imporci idee? Lo sa che non conta più nulla ed è meno di zero? O dobbiamo ricordarglielo?

      RISPONDI
    • Domenico @Aquaman@Aquaman
      11 luglio 2017, 23:20

      Sarà chiesto il parere anche della Corte Dei Conti? Per capire CHI ha aiutato CHI…

      RISPONDI
  • manara
    11 luglio 2017, 15:36

    dio bono, il caldo fa effettacci daverodaverodavero.
    Povero ragazzo, brutta fine.

    RISPONDI
  • Marco
    11 luglio 2017, 14:21

    E’ lo stesso Pietro Fazzi che voleva spostare il padiglione dei games al polo fiere?

    RISPONDI
  • Corto
    11 luglio 2017, 12:53

    Ricordiamo ancora quando propose la cittadinanza onoraria a Silvio Berlisconi… la cittadinanza onoraria dovrebbe essere un riconoscimento tributato con un larghissimo consenso, e dovrebbe unire una città non dividerla. Passi Traini (ma mi sembra che siano stati altri a dare le gambe ai Comics) ma per Mimmo D’Alessandro possiamo attendere almeno che raggiunga il rincoglionimento dell’ottantenne per fregiarlo di tale titolo!? in modo che magari non abbiamo subito a pentircene viste le sceneggiate di questi anni?

    RISPONDI
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online

Twitter