Centro polifunzionale Antraccoli, Moschini: “Grave conflitto d’interessi, brutto autogol di Tambellini in vista delle elezioni”

Centro polifunzionale Antraccoli, Moschini: “Grave conflitto d’interessi, brutto autogol di Tambellini in vista delle elezioni”

LUCCA – “Paola Balducci è la moglie di Claudio Cantini, mentre Andrea Pini è parente di un ex membro del consiglio della Biribaola: segno inequivocabile di come l’attuale sindaco di Lucca abbia dovuto piegare la testa”.

 

Il j’accuse proviene direttamente da Lido Moschini, ex assessore allo sport nella giunta Favilla e attuale presidente del comitato per la salvaguardia del parco ad Antraccoli.

 

E’ doveroso però fermarsi un attimo, e provare a mettere un po’ di ordine in questa storia.
C’è un terreno, nel cuore di Antraccoli (sulla via che dalla romana va a sbucare sulla pesciatina all’altezza di Picciorana) oggetto di dibattito tra l’associazione Biribaola (che si occupa di eventi folkloristici ad Antraccoli) e un gruppo di residenti che intorno a quel vasto appezzamento di terra ci abitano.

 

Il motivo del contendere è presto detto: l’associazione Biribaola lì vorrebbe costruirci una struttura polifunzionale, mentre gli abitanti, armati di ben oltre 200 firme (230 per l’esattezza) “non strumentalizzate, ma di persone che gravitano da sempre intorno al parco”, pretendono a gran voce che l’attuale area a verde resti esattamente quello che è adesso: “un luogo di aggregazione con alcuni orti sociali, una piccola oasi dove chi intorno vi abita può portare tranquillamente i bambini a giocare e, al contempo, rilassarsi e scambiare quattro chiacchiere in tutta serenità”.

DSC_0011

Al comitato, soprattutto, non va giù il fatto che nessuno gli abbia interpellati in merito all’adozione della variante al regolamento urbanistico che prevede la realizzazione del suddetto spazio:
“Il 23 marzo scorso il consiglio comunale – ci spiega Moschini, in veste di portavoce -, ha approvato la variante che prevede una diversa localizzazione delle aree a verde di Antraccoli: a nostra insaputa, e senza alcun tipo di coinvolgimento in quanto comitato costituito, veniamo a sapere solo il 28 marzo scorso che è stato adottato il provvedimento di modifica della zona da parte dell’amministrazione comunale”.

 

Già da prima di quella data però il DSC_0018parco è oggetto di attenzioni, al contrario, da parte dell’amministrazione:

“Poco prima dell’inizio della primavera ogni 30, 40 giorni al massimo qualcuno veniva a tagliare l’erba, a sistemare le panchine e occuparsi dello smaltimento dei rifiuti poi, improvvisamente il giochino si è interrotto e non s’è visto più nessuno, sono spariti tutti, e qui intorno ha cominciato a regnare solo incuria e erbacce alte. Sarà anche per questo che dalla Biribaola fanno sapere che il loro intervento è volto ‘soltanto’ a ripristinare l’area a verde com’era poco tempo fa’?”, incalza ironico, Moschini.

 

Ma perchè, chiediamo, proprio lì, nel cuore di un abitato altamente ‘popoloso’ un’area multifunzionale?

 

“Quello è un terreno di proprietà del comune di Lucca, da sempre.
La presidente Balducci è la moglie del consigliere comunale Claudio Cantini, mentre l’ex cinquestelle Pini è nipote di una persona che faceva parte del consiglio della Biribaola, questo spiega perchè in consiglio comunale si sia deciso di far passare la variante urbanistica. La migliore soluzione sarebbe espropriare alcuni terreni vicini come quello in via della madonnina per esempio, destinato ad uso pubblico e predisporlo per qualsiasi attività questa giunta ritenga opportuna, senza sacrificare quasi 200 famiglie che chiedono solo di essere lasciate in pace”.

 

5 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

5 Commenti

  • Azzurra
    16 aprile 2017, 09:56

    Certo, il Comune ha una proprietà sua per farci un piccolo centro per le associazioni, gli anziani e i ragazzi (non il Carrefour!) e deve espropriarne un altro! A spese di chi? Si vede anche da queste proposte assurde che Moschini ha avuto ruoli in Comune ai tempi in cui di soldi ce ne erano assai e fare i propri affari ricoprendo incarichi pubblici aveva un suo bel tornaconto!

    RISPONDI
  • Pino
    16 aprile 2017, 02:00

    Per i conflitti d’interesse potreste rivolgervi al candidato sindaco che è andato ad Arcore a farsi benedire da Berlusconi, che di conflitti se ne intende. Ma dove stanno i conflitti ad Antraccoli, con Associazioni ONLUS ? Andate ad Arcore che ve li spiegano bene i conflitti d’interesse, non ad Antraccoli sennò fate ride.

    RISPONDI
  • Udelmo
    16 aprile 2017, 01:47

    Ma con gli assi viari e i capannoni industriali disseminati ovunque, questi qui hanno paura di una struttura ad uso sociale e paesano ? Sono segate da campagna elettorale che faranno perdere voti a chi le cavalca.

    RISPONDI
  • Alfredo F.
    15 aprile 2017, 20:33

    Ma voialtri cosa sia un conflitto d’interessi lo sapete? Non sarete mica voi ad avere degli interessi visto che abitate lì vicino e quando eravate assessori avete fatto il Regolamento urbanistico che metteva la possibilità di fare centri di aggregazione accanto alla chiesa che si sa ha il vincolo cimiteriale?
    Non avete capito nulla anzi non volete capire nulla siete in malafede guardate solo al vostro orticello e trovare disgustose storie di conflitti di interessi.
    Avete paura di chi fa le cose alla luce del sole. Vergognatevi!!!!!

    RISPONDI
  • Nero Dentro
    15 aprile 2017, 19:10

    Moschini appoggia FABBIO BARSANTI DI casapound e fa bene

    RISPONDI
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online

Twitter