Bergamini (CasaPound): “Uscire subito dall’Euro e dall’Unione Europea”

Bergamini (CasaPound): “Uscire subito dall’Euro e dall’Unione Europea”

LUCCA – “L’Italia deve tornare sovrana, e per farlo deve uscire dall’Euro e da questa Unione Europea”. A dichiararlo Riccardo Bergamini, candidato al Senato per CasaPound Italia, che spiega in una nota la posizione della propria lista: “CasaPound è l’unico movimento che chiede senza indecisioni l’uscita unilaterale dall’Unione Europea e dall’Euro. Questo perché solo fuori dalla gabbia europea l’Italia potrà tornare a crescere: prima dell’Euro eravamo la quinta economia mondiale, oggi siamo l’ottava, forse la nona. In questi anni la nostra Nazione è diventata terra di conquista per multinazionali e stati stranieri, a cui abbiamo venduto le nostre industrie, il nostro debito pubblico, il nostro futuro.”

“Uscire da questa Unione Europa non significa rinnegare l’Europa – continua Bergamini – ma il contrario. Il nostro continente ha una storia e un percorso comune, ma per riprenderlo bisogna togliersi il giogo della burocrazia di Bruxelles e la dittatura dei mercati e dell’alta finanza. Torneremo anche a dialogare liberamente con le nazioni extra europee, come Russia e Giappone. Paesi che crescono, padroni della propria moneta e della propria economia.”

“Bisogna infatti tornare a battere una moneta nazionale – conclude Bergamini – invece che comprarla a caro prezzo dalla Banca centrale europea, che è privata. Dobbiamo tornare padroni delle nostre spese, cancellare il pareggio di bilancio dalla Costituzione, riaffermare il principio per cui uno Stato deve operare in deficit, se non vuole limitarsi a tagliare i servizi e lo stato sociale. Chi dice per esempio che taglierà le tasse pur stando nell’Unione Europea, non dice che lo farà risparmiando ancora sui servizi pubblici. A pagarne il prezzo saranno ancora le fasce più deboli della popolazione italiana, sempre più numerose.”

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter