Barsanti (CasaPound) presenta un odg sula Lucchese: ‘La giunta non ha fatto abbastanza’ e sostiene che la società sia ceduta ad avventurieri

Barsanti (CasaPound) presenta un odg sula Lucchese: ‘La giunta non ha fatto abbastanza’ e sostiene che la società sia ceduta ad avventurieri

LUCCA – La Lucchese sarà sicuramente al centro del dibattito del consiglio comunale di questa sera. Lo si evince anche dal post di Fabio Barsanti, consigliere comunale di CasaPound Lucca, che annuncia un ordine del giorno urgente sulla sua pagina Facebook.

 

«Ho protocollato – scrive infatti -, alla presidenza del Consiglio Comunale, un ordine del giorno urgente da mettere in discussione nella seduta di questa sera, martedì 10 luglio alle 20:30, previo accordo tra capigruppo; un accordo che do per scontato, essendo mercoledì 11 luglio un giorno cruciale per i destini della squadra. Vogliamo che il sindaco riferisca circa quanto fatto dall’Amministrazione, sia in questi lunghi mesi di presunti tentativi di coinvolgimento di imprenditori lucchesi, sia nella delicatissima e travagliata fase vissuta in questi ultimi giorni».

 

Barsanti afferma di voler sapere «se tutto ciò nelle possibilità della giunta sia stato fatto, ma lo vogliamo sapere nel concreto, al di là di fumosi proclami o vaghi e inconcludenti comunicati».

 

Per il consigliere di CasaPound infatti: «Chi governa #Lucca deve assumersi la responsabilità di ciò che è stato o non è stato fatto. In altre città, anche toscane, il sindaco è sceso in prima linea, curando personalmente le trattative e agendo concretamente per salvare quello che è un simbolo imprescindibile non solo per ogni tifoso, ma per ogni cittadino che abbia un minimo a cuore la propria identità».

 

«Sono convinto, siamo convinti, che questa maggioranza sia disinteressata alla Lucchese – afferma -, ma siamo disposti ad ascoltare cosa avranno da dire il sindaco Tambellini o l’assessore allo sport di questa città sportivamente disgraziata».

 

E poi arrivano le notizie in merito alla situazione attuale della squadra cittadina: «Nel frattempo, ieri sera ho parlato con Arnaldo Moriconi, al quale ho confermato come la mia opinione sia la stessa di quella emersa sia dal comunicato, chiarissimo, della CurvaOvest, sia dall’assemblea dei tifosi alla quale ero presente domenica sera.
Non vogliamo che la società sia ceduta ad avventurieri senza scrupoli, per questo dobbiamo negare qualsiasi avallo di un’eventuale scelta del genere. Se Moriconi vorrà scegliere quella via, lo dovrà fare assumendomene la personale responsabilità di fronte ai lucchesi», scrive Barsanti.

 

«Siamo di fronte al terzo possibile fallimento della Lucchese in dieci anni – conclude -, ma non può essere una persona come Belardelli a costituire l’unica alternativa di fronte a questo ennesimo triste epilogo. La Lucchese merita ben altro».

3 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

3 Commenti

  • G.N.R.
    10 luglio 2018, 11:31

    Mi pare il Barsanti sia rimasto attardato: dato che denuncia 0,00€ non sarà sicuramente stato per impegni di lavoro, probabilmente si è confuso tra i vari comunicati che dispensa giornalmente su qualsiasi argomento.
    Lo informo comunque che il
    "Non vogliamo che la società sia ceduta ad avventurieri senza scrupoli"
    doveva affermarlo quando è arrivato Grassini, cui la società è stata addirittura ceduta due volte senza che lui aprisse bocca mentre i suoi amici in curva applaudivano e osannavano l’omino di Siena

    RISPONDI
  • basta
    10 luglio 2018, 19:52

    alla lunga il BARSANTI stanca con i suoi soliloqui da tuttologo pensare che cpi e’ un movimento serio in altre parti di ITALIA a Lucca sembra la nuova dc

    RISPONDI
  • AMMONIO
    11 luglio 2018, 01:12

    AVVENTURIERI SENZA SCRUPOLI??? Si certo, si sono visti fin dall’inverno girare attorno allo stadio….ORA E’ TARDI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RISPONDI

.

Newsletter