Barsanti (CasaPound): ‘A fianco delle lavoratrici del centro: la prossima settimana nuovo presidio alla sortita’

Barsanti (CasaPound): ‘A fianco delle lavoratrici del centro: la prossima settimana nuovo presidio alla sortita’

LUCCA – Il consigliere comunale Fabio Barsanti (CasaPound Italia), commenta la rapina avvenuta ai danni di una cameriera fuori dalla sortita di San Frediano. «Esprimo la mia solidarietà alla donna rapinata. Le lavoratrici del centro storico non sono tutelate: la rapina è avvenuta in un punto pericoloso più volte segnalato dai cittadini e da CasaPound. Non a caso proprio in quel punto, venti giorni, abbiamo realizzato un presidio per chiedere maggiore sicurezza e fermare il degrado. E torneremo a presidiarlo per tre giorni di fila anche la prossima settimana, in orario serale».

 

«Certe zone di Lucca – continua Barsanti – sono infatti diventate terra di nessuno. Per rimanere alla zona fuori San Frediano, si registrano spaccio, abuso di alcolici e bivacchi che hanno portato anche alla chiusura del parco Valgimigli, un tempo usato dalle famiglie e oggi presidiato da spacciatori o semplici sbandati. Lucca è ostaggio di questo schifo: è inaccettabile».

 

«Ricordo che quest’inverno CasaPound si era già mossa al fianco delle commesse del centro storico, costrette a muoversi in gruppo per tornare alle proprie auto parcheggiate fuori dalle Mura e in particolare alle Tagliate. Si tratta quindi di situazioni ormai permanenti, e non si nota minimamente la reazione da parte delle istituzioni, se non per minimizzare i problemi della città».

 

«Ancora una volta ad essere vittima è una donna, dopo le aggressioni avvenute ultimamente a San Concordio e a Sant’Anna, dove le due donne picchiate da un africano non hanno ricevuto nemmeno un messaggio di solidarietà dal sindaco Tambellini. Ora bisognerà aspettare di conoscere la nazionalità del rapinatore: se fosse uno straniero, siamo sicuri che anche questa volta il sindaco rimarrà in silenzio, venendo meno ai suoi doveri di primo cittadino», conclude Barsanti.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter