Ai Giochi Nazionali Special Olympics di Montecatini tanti allori per gli atleti de L’Allegra Brigata

Ai Giochi Nazionali Special Olympics di Montecatini tanti allori per gli atleti de L’Allegra Brigata

MONTECATINI – Ottimi risultati degli atleti lucchesi dell’Asd L’Allegra Brigata ai Giochi Nazionali Estivi Special Olympics a Montecatini Terme e Valdinievole, che ha visto coinvolti ben 3mila atleti, provenienti da tutta Italia che si sono sfidati in 18 discipline sportive: atletica leggera, badminton,bocce, bowling, calcio a 5, canottaggio, dragon boat, equitazione, ginnastica artistica e ritmica, indoor rowing, golf, nuoto, pallacanestro, pallavolo unificata, rugby, tennis e tennis tavolo. Questi Giochi, giunti alla 34.a edizione ed organizzati nell’anno del 50° anniversario di Special Olympics nel Mondo, hanno rappresentato il più grande evento nazionale di sempre. I portacolori lucchesi hanno ben figurato nelle discipline del nuoto e del Bowling portando a casa un medagliere di ben 14 medaglie da podio (4 oro, 5 argento e 5 bronzo) ma anche numerosi piazzamenti dal 4° al 6° posto.

 

«Ancora una volta – afferma il direttore provinciale Special Olympics Lucca, Claudia Maioranole emozioni sono state molte. Ci sarebbero tante storie da raccontare. Storie di atleti, volontari, tecnici e familiari, in ogni evento del genere si diventa più ricchi dentro di noi tutti. Di queste, desidero solo ricordarne tre in particolare. Quella di mamma Marisa, energica 85enne veneta che da 40 anni segue le gare del suo campione Stefano. Mamma orgogliosa e forte. Poi la storia di un atleta Emanuele G., alla sua prima gara nazionale di nuoto, nei 10 metri assistiti, dove vince la sua prima medaglia ed è quella d’oro. Una grande gioia!… Ma succede qualcosa di ancora più grande, qualcosa che va oltre al colore della medaglia vinta. Emanuele, che è anche il più piccolino del gruppo, oggi è anche ufficialmente entrato nello spirito di squadra!… Prima di andare via con il babbo ha salutato il gruppo con un braccio al cielo dicendo: “mi raccomando”. Ed infine l’ultima forse la più significativa e toccante di Emanuela una volontaria: “La malinconia che ti assale i giorni dopo la fine dei Giochi è qualcosa di inspiegabile… torni a casa, giri per strada, ti guardi intorno e non vedi più striscioni rossi, divise colorate, manifesti… non incontri più gli atleti, i tecnici, i famigliari che passeggiano e ti salutano, ti abbracciano, ti raccontano come è andata la giornata… non senti più la musica, le risate, le chiacchiere… È una malinconia forte, direttamente proporzionale alle bellissime emozioni viss…ute durante la settimana. Molti mi chiedono: com’è andata? Non riesco mai a trovare un aggettivo adeguato per descrivere tutto questo. L’unica cosa che posso dire è: venite anche voi. Provate anche solo una volta a partecipare, nel modo che più vi si addice: volontari, tecnici, partner, pubblico… provate, e vi renderete conto che non esiste una parola abbastanza significativa.
Ma soprattutto vi renderete conto che anche voi non potrete più farne a meno!!! Grazie Special Olympics!!!”. Concludo ricordando che tutti gli atleti gareggiano dopo aver affrontato le gare preliminari, individuali e collettive. Attraverso le “Divisioning” i tecnici valutano ciascun atleta e le singole squadre, creando poi rispettivamente gironi e batterie omogenei, tali da permettere a tutti i partecipanti di vincere, a prescindere dal proprio livello di abilità. La Mission di Special Olympics, intende mettere ogni atleta nelle condizioni ideali per gareggiare al meglio delle sue possibilità, l’obiettivo non è ricercare il campione assoluto per ogni disciplina, ma trovarlo in ciascun atleta coinvolto. Non a caso il suo Giuramento recita: Che io possa vincere, ma se non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze. A questo punto aggiungo i doverosi ringraziamenti al team: Patrizia, Chiara, Luca, Andrea, Maria, Silvia, Claudia, Sebastiano, Anna e tutti gli altri che sono rimasti a casa, per tutto l’impegno, la passione e la voglia di star bene con i nostri campioni
».

Anche dal canto delle gare è stato, per l’Allegra Brigata, un evento ricco di soddisfazioni, medaglie ed emozioni. Il team composto da 21 atleti è esceso in vasca e sulle piste ottenendo grandi risultati, per il nuoto: importante oro nella staffetta 4×25 stile libero con Sara Matteucci, Lorenzo Fazzi, Kleo Provvedi e Walter Risola; oro nei 10 mt assistiti di Emanuele Giaccio al suo primo evento nazionale e oro nei 25 mt stile libero per Samantha Incrocci (division F8), argento Kleo Provvedi (division f14), bronzo Sara Matteucci (f16), bronzo Emanuele Celli (M 14), appena fuori dal podio: 4° Matilde Zipoli (F 10), 4° Walter Risola (M 19), 5° Lorenzo Fazzi (M 16). Dal bowling: oro Luciano Ragghianti, argento Guido Settimelli, argento Laura Vittorini, bronzo Rachele Bertolozzi, bronzo Paolo Lucarotti, bronzo Giulia Marchetti; altri buoni piazzamenti con: 4° Loretta Pantera, 4° Manuel Ricci, 4° Dario Falai, 4° squadra baker: Falai/Pantera/Settimelli/Vittorini/Marchetti e ancora 4° di squadra: Bertolozzi/Petri/Ricci/Grisafi/Ragghianti, 5° Marina Petri, 5° Iacopo Grisafi e 6° Claudia Nicolosi.

 

 

La nostra provincia era inoltre rappresentata in questi Giochi Nazionali Special Olympics di Montecatini e Valdinievole dal nuovo team Centro Ippico La Luna/Polo Fermi-Giorgi che ha chiuso con un’ottima esperienza portando a casa diverse medaglie dei tre metalli più importanti, Aipd Versilia nel nuoto e Unicorno ancora nell’equitazione con la partecipazione alla sua prima gara nazionale dell’atleta della brigata Dario Ciardetti che ha conquistato una medaglia d’argento.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter