A Borgo a Mozzano il progetto Sprar: meno richiedenti e accoglienza migliore

A Borgo a Mozzano il progetto Sprar: meno richiedenti e accoglienza migliore
BORGO A MOZZANO – <<Grazie al progetto SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) nel paese di Diecimo abbiamo oggi quindici richiedenti asilo in meno ed in generale nel Comune portiamo avanti un’accoglienza più strutturata e puntuale che, gradualmente, ci porterà ad avere venticinque persone già tutte titolari del riconoscimento di rifugiato politico – a spiegarlo in una nota è Patrizio Andreuccetti, sindaco di Borgo a Mozzano – Quando lo scorso anno incontrammo il paese per confrontarci sul tema accoglienza, i richiedenti asilo a Diecimo erano 38 ed i CAS (centri di accoglienza straordinaria) aperti erano 3, oggi i richiedenti asilo sono 23 ed i CAS due, questo grazie al progetto SPRAR, per via del quale i CAS saranno tutti, gradualmente chiusi, con la garanzia che non potranno essere messe in pratica nel Comune altre forme di accoglienza. I richiedenti asilo scenderanno a 25 su base comunale e tali rimarranno. Con lo SPRAR – continua Andreuccetti- riusciamo a coniugare il tema di una accoglienza migliore, più strutturata, capace sia di incentivare l’integrazione grazie anche al fatto che i ragazzi vengono impegnati per lavori utili sul territorio, sia di avere un numero più basso di persone così da produrre un impatto sostenibile ed equamente diviso su tutto il territorio. Nei fatti siamo ad oggi l’unica amministrazione comunale in Valle del Serchio che attraverso la propria azione, ponderata e lungimirante, è stata in grado di diminuire i numeri dei richiedenti asilo sul territorio ed allo stesso tempo di migliorarne l’integrazione. Alle parole spese un anno fa in una pubblica assemblea, sono già oggi presenti fatti concreti>>.
1 commento

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

1 Commento

  • Gigino
    20 giugno 2018, 20:38

    O come? O che fine han fatto le belle parole, gli accogliamoli tutti vanti ce n’en, diamoni cellulari, bicirette, vestimoli……forse il bimbo e il partitino che n’ha fatti entra più che gino al guercio s’enno accorti che la gente è STUFA e i voti calino?! Ahi ahi ahi ma la musica è cambiata, appizza l’orecchi andreuccettino…

    RISPONDI

.

Newsletter

Creocoworking