Bilancio consuntivo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca: nel 2015 oltre 29 milioni di euro deliberati

Bilancio consuntivo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca: nel 2015 oltre 29 milioni di euro deliberati

LUCCA – Educazione e ricerca, arte e beni culturali, edilizia scolastica. E ancora, volontariato, l’impegno per le Mura di Lucca, sanità: la presenza della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca sul territorio è a 360°. E i numeri del bilancio consuntivo presentato questa mattina in conferenza stampa lo confermano. Nel solo 2015, l’ente di San Micheletto ha immesso sul territorio oltre 29 milioni e 300 mila euro. Ma non solo: la Fondazione ha chiuso l’anno con un avanzo di gestione di 37,6 milioni di euro, che ha portato il patrimonio complessivo a 1 miliardo e 209 milioni di euro. Aumentato anche il fondo delle erogazioni, passato da 25 a 29 milioni.

Cifre importanti, che attestano la Fondazione come motore principale delle iniziative lucchesi e che la portano al 9° posto tra le principali fondazioni bancarie italiani per il patrimonio e al 7° per le erogazioni. Una presenza, quindi, capace di sbloccare interventi necessari, rimasti fermi da anni, che negli ultimi cinque anni ha attirato su Lucca 38,5 milioni di euro provenienti da altri enti pubblici: sommati ai 188 milioni messi a disposizione della FCRL, si supera i 226 milioni di euro che hanno cambiato il volto al territorio.

Infatti, a fronte di erogazioni per 142 milioni e investimenti in housing sociale (10 milioni) e nel complesso di San Francesco (36 milioni), in provincia di Lucca, nel periodo 2012-2016, sono arrivati ulteriori, importanti finanziamenti, alcuni già erogati, altri stanziati: 15 milioni per il ponte sul Serchio (Regione Toscana), 4,5 milioni per l’housing sociale (Regione), 2,5 milioni per le Mura (Regione), 900 mila euro per il centro multimediale della Casa del Boia (Regione), 800 mila sempre per le Mura (MIBAC), 14,8 milioni per il cofinanziamento degli interventi nell’edilizia scolastica (Enti pubblici locali).

GLI INTERVENTI NEL 2015. Sono stati realizzati 650 interventi nell’anno appena passato, per un totale come detto superiore ai 29 milioni di euro. Nello specifico sono stati destinati 11,9 milioni all’educazione e ricerca, 9.7 milioni per arte e cultura, 4,5 milioni al volontariato, assistenza agli anziani e crescita e formazione giovanile, 2,1 milioni per i lavori pubblici e lo sviluppo locale e 1,1 milione per la salute pubblica.

EDUCAZIONE E RICERCA. Complessivamente gli interventi in ambito dell’educazione e ricerca ammontano a 161, per un totale di 11,9 milione. Oltre al sostegno alle attività di IMT Alti Studi Lucca, la Fondazione CRL ha finanziato corsi di laurea della Fondazione Campus (394 mila euro), la ricerca industriale a favore del sistema economico locale (295mila euro), il Master FLARF/Celsius (115mila euro). In questo settore rientra anche l’impegno triennale per l’edilizia scolastica pari a 20 milioni di euro per 58 interventi totali. A questi vanno ad aggiungersi i 14,8 milioni cofinanziati dalle amministrazioni.

ARTE, ATTIVITA’ E BENI CULTURALI. Oltre 9 milioni e mezzo sono stati spesi per sostenere l’arte e le attività culturali e artistiche lucchesi: interventi mirati, per conservare e valorizzare il patrimonio artistico e ambientale presente su tutto il territorio provinciale, ma anche un aiuto concreto alle realtà che si prodigano per realizzare mostre, concerti e spettacoli. Tanti, tantissimi i festival che hanno potuto godere del supporto della Fondazione: solo per citarne alcuni, 250mila al Festival Pucciniano, 60mila per Photolux, 90mila per Lucca Film Festival. Fondamentale per lo sviluppo e il rafforzamento delle realtà culturali locali anche la partecipazione a Funder35, il progetto che unisce 18 fondazioni bancarie italiane e che premia le associazioni artistiche che presentano idee innovative: la Fondazione ha partecipato nel 2015 con 100 mila euro.

Di grande rilievo anche gli interventi di restauro effettuati sul territorio. La Chiesa di Marlia è stata restaurata e messa in sicurezza con un investimento di 150mila euro, per un totale di 450mila euro fino al 2017; anche la Rocca Ariostesca di Castelnuovo Garfagnana ha ricevuto 150mila euro mentre la Cattedrale di San Martino è stata rimessa a nuovo con un intervento complessivo pari a oltre 333 mila euro, di cui 100mila spesi solo nel 2015.

Impossibile non pensare al lavoro straordinario realizzato per la riqualificazione e la valorizzazione delle Mura di Lucca: dal 2012, la Fondazione ha impegnato 12 milioni e 680 mila euro per restaurare le casermette, la Casa del Boia, ripulire il paramento esterno, realizzare le piste ciclopedonali, restaurare le porte d’ingresso Elisa, San Jacopo e San Donato e per sostituire l’illuminazione. Un monumento che in questi pochi anni è tornato davvero a nuova vita.

VOLONTARIATO. Oltre 180 contributi per un totale di 4,5 milioni di euro, incluso l’accantonamento, che comprendono progetti di assistenza anche residenziale, attività volte all’inclusione sociale e/o all’avviamento al lavoro di disabili e di soggetti in situazione di disagio sociale e interventi di assistenza economica per rispondere ai bisogni primari di categorie svantaggiate. Per le categorie sociali più deboli è stato attivato un bando specifico, con un importo deliberato pari a 584.500 euro di cui 335 mila per l’assistenza sociale a soggetti svantaggiati, 110 mila per l’assistenza agli anziani, 75 mila per l’assistenza economica a soggetti in difficoltà e 50 mila per la cooperazione internazionale.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter