ll falso buonismo di Papa Francesco

LUCCA – Si narra, da parte dell’unico quotidiano on line davvero in grado di dare notizie che altri si sognano soltanto di pensare, ovvero Dagospia, che Il gesuita vestito di bianco, ovvero papa Francesco, sia stato colto da una vera e propria crisi di nervi al momento di ricevere la lettera con la quale un gruppo di cardinali ha manifestato tutte le sue obiezioni alle tesi vaticane sul Sinodo. “Se le cose stanno così possono andare via. La Chiesa non ha bisogno di loro. Li caccio tutti!”. Un vero e proprio attacco di ira, con tanto di tachicardia, da parte di un uomo che dietro la maschera del bravo nonnino che allestisce docce per immigrati sul sagrato di piazza San Pietro e gira con la macchina buona per andare a fare la spesa al supermercato, una Panda, dimostra un’intolleranza di fondo, oltreché una vocazione decisamente dittatoriale del suo magistero. Il gesuita vestito di bianco, insomma, non tollera opposizioni. Nemmeno su temi che rischiano di stravolgere e travolgere la Chiesa: divorziati. coppie omosessuali e gender, ma non solo. La famiglia, pietra miliare del cattolicesimo, finisce per essere archiviata in nome del modernismo: una resa senza condizioni per molti esponenti della Chiesa. Per i firmatari della lettera ci sarebbe molto da dire anche sui metodi (assolutistici) usati da Bergoglio. Che, come detto, è andato su tutte le furie proprio pochi giorni dopo aver battibeccato con un personaggio da baraccone come l’ex sindaco di Roma.

Probabilmente il Nostro non tollera opposizioni essendo cresciuto sotto le giunte militari argentine. “Il collasso delle chiese protestanti liberali nell’epoca moderna, accelerato dal loro abbandono di elementi chiave della fede e della pratica cristiana in nome dell’adattamento pastorale, giustifica una grande cautela nelle nostre discussioni sinodali”, termina la lettera dei cardinali che ha fatto infuriare Bergoglio. Antonio Socci, uno che di preti e Vaticano se ne intende, su Libero, scrive: “Al Sinodo la macchina da guerra argentina con motore tedesco (i vescovi progressisti) si è impantanata: si sa, di questi tempi i «motori» tedeschi sono da rottamare e la carrozzeria argentina è un ferrovecchio, impastato di peronismo e di rugginosa teologia della liberazione”. In effetti una parte consistente del Sinodo sta opponendo una dura resistenza in particolare sui temi dell’omosessualità e della teoria gender, i cui effetti, peraltro, sono devastanti non solo da un punto di vista cattolico: leggetevi “I demoni del bene” di Alain de Benoist per capire sino in fondo quale attentato alla natura umana costituisca. Un modo disumano e totalitario per uniformare modi di essere, di parlare, di vivere e di amare, uccidendo il bello del mondo. Che sono le differenze.

Al di là degli scatti di ira di Bergoglio, per i quali chissà se il Divino poeta gli ha riservato un posto nel quinto cerchio, c’è una larga componente della Chiesa che è seriamente preoccupata per la deriva imposta dal papa argentino e dai suoi sostenitori. “Il partito bergogliano – continua Socci – è come una squadra di calcio che sta perdendo 5 a 0 sul campo di gioco (e quindi rosica), ma può impunemente assestare calci, provare a fare gol con le mani (alla maniera argentina) e ostentare arroganza perché sa che l’ arbitro è il loro leader e alla fine darà loro partita vinta a tavolino contro ogni regola”. Tra coloro che si stanno opponendo c’è anche la chiesa africana, sviluppata da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, che conta 200 milioni di fedeli. Mentre quella sudamericana di Bergoglio e quelle europee sono al tracollo. “Ma questo – prosegue Socci – è il paradosso di oggi: alla guida della Chiesa stanno coloro le cui ricette si sono rivelate fallimentari nei loro paesi. E vogliono applicare le stesse disastrose ricette alla Chiesa intera, con effetti devastanti su scala planetaria. Certo, molti indicano la popolarità del papa argentino come segno di rinascita. Ma è un bluff e dentro la Chiesa lo si è ormai capito.
È la popolarità drogata del circo mediatico laicista, che non porta una sola conversione, ma esulta piuttosto per la conversione del papa all’agenda Obama e all’ agenda onusiana”. Anche Repubblica lo ammette: “l’effetto Francesco non c’ è”, anzi “l’Italia continua ad allontanarsi dalla Chiesa”. Concordiamo. E a Lucca, terra di bacchettoni e baciapile per eccellenza, che si dice? Nulla. Si portano gli immigrati in Processione. E si fanno affari. Vedendo Bergoglio come un modello. 

Fabrizio Vincenti

@Lo Schermo

Leggi Visto da sinistra Questo Sinodo è un passo di speranza per molti di Francesca Pacini

Leggi anche Sinodo, migranti, rapporti con lo Stato: la Chiesa è protagonista?

29 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

29 Commenti

  • Admin
    20 ottobre 2015, 22:32

    Concordo ottimo

    RISPONDI
  • Admin
    21 ottobre 2015, 10:54

    Sono pienamente d’accordo. L’articolo esprime molto bene il pensiero di molti

    RISPONDI
  • Admin
    21 ottobre 2015, 11:04

    Io non mi preoccuperei troppo Signor Vincenti
    Il Divorzio, i diritti dei Gay, e gli altri temi che minano alla base la nostra civiltà, svaniranno come neve al sole quando lo Stato Islamico si annetterà l’Europa.
    Ricominceremo a mettere al rogo gli omosessuali, le donne staranno a casa zitte sennò son botte e tutti vivremo felici e contenti.
    Non ci sarà nemmeno più l’incredibile scandalo della Comunione ai divorziati.

    RISPONDI
  • Admin
    21 ottobre 2015, 11:40

    Non sarebbe ormai l’ora di abolire la chiesa come istituzione?

    La chiesa cattolica ha ostacolato in ogni epoca la libertà, soprattutto di pensiero, mandando al rogo Giordano Bruno, Giulio Cesare Vanini, Aonio Paleario e qualche altro centinaio di persone.

    Ha combattuto la scienza in tutti i modi, da Galilei a Darwin ed oltre.

    La chiesa cattolica si ostina a considerarsi l’unica via per la salvezza, pur non essendo, di fatto, “cattolica” (cioè universale).

    Il Vaticano si occupa di tutto, fuorché della parola di Dio.

    Con la scusa della superiorità della fede sulla ragione, pratica l’oscurantismo, il nozionismo, la stupidità, l’ignoranza.

    Oggi la religione non ha alcun senso di esistere e porta solo discriminazione, ignoranza e odio.

    E’ solo un valido strumento di dominio molto utile ai dittatori ed un validissimo strumento di soggezione delle classi “umili” con la predicazione del principio manzoniano che “di fronte alle ingiustizie ed alle angherie, non bisogna rispondere con la ribellione, ma con umiltà e rassegnazione, magari affidandosi al sicuro (?) intervento della Divina Provvidenza”!

    Il cattolicesimo non è una religione, ma un’idolatria.

    Con le sue favolette la chiesa ha incantato (e incanta) e manipolato miliardi di menti.

    L’insegnamento della religione nei bambini provoca loro danni gravissimi, vista l’estrema plasticità del cervello infantile.

    Ne fa degli schiavi, anzichè uomini liberi dotati di efficace pensiero critico.

    Una società laica, alla francese, senza l’incombenza della presenza immanente della chiesa certamente sarebbe più “serena” sotto tanti aspetti.

    RISPONDI
  • Admin
    21 ottobre 2015, 12:41

    L’articolo si basa su un pettegolezzo e su una personale e cervellotica interpretazione di Antonio Socci che da un pò di tempo le spara grosse. Pretende di essere un fine teologo e più papista del Papa. Il Sinodo è stato voluto dal Santo Padre perchè le diverse e contrastanti posizioni su temi fondamentali all’interno della Chiesa si sono divaricate pericolosamente. E’ stato chiesto a tutti di partecipare al dibattito e di esprimere liberamente le loro convinzioni nel rispetto delle prerogative che sono proprie del Santo Padre. Una persona amata dalla gente di cui ne riconosce la spiritualità, la bontà ed il coraggio.

    RISPONDI
  • Admin
    21 ottobre 2015, 13:02

    concordo con proletario globale
    sottoscrivo ogni singola parola

    RISPONDI
  • Admin
    21 ottobre 2015, 13:14

    L’estensore dell’articolo deve essere uno di quei cattolici della 24ima ora che pensa che i vangeli siano stati scritti dagli apostoli e si lancia in una polemichetta politica da pochi spiccioli, addirittura citando gente come Socci che ha fatto la propria fortuna su presunti miracoli neanche riconosciuti dalla Chiesa.
    Le chiese si suon svuotate da oltre 30 anni anni in Italia mentre paesi cattolici al cubo come l’Irlanda hanno votato a favore dei matrimoni gay.
    Una massima aurea dice che è bene non parlare delle cose che non si conoscono.
    Figuriamoci scriverne

    RISPONDI
  • Admin
    21 ottobre 2015, 13:44

    stento a crederci pure io ma sono d’accordo con proletario globale e sara!

    RISPONDI
  • Admin
    14 gennaio 2016, 01:01

    Sono d’accordo con proletario globale e sara. Anche l’articolo è ben fatto. Comunque sarebbe l’ora che l’italia diventi uno stato laico, aboliamo concordato e tutti i privilegi della chiesa

    RISPONDI
  • Admin
    14 gennaio 2016, 10:36

    Incredibile, sono d’accordo con proletario globale! wow 😀

    RISPONDI
  • Admin
    14 gennaio 2016, 13:07

    Condivido quanto scritto da Vincenti, anche al netto delle “rivelazioni” di Dagospia.
    Sempre a proposito delle uscite del Santo Padre, mi piacerebbe sapere se l’accorato appello fatto da Bergoglio alle parrocchie perche accolgano almeno una famiglia di migranti ha avuto un esiti positivo.
    Se così fosse, penso che buona parte del problema dell’accoglienza sarebbe risolto.
    Massimo Di Grazia

    RISPONDI
  • Admin
    14 gennaio 2016, 19:25

    Sarebbe meglio che Socci evitasse riferimenti alla “rugginosa Teologia della liberazione”.
    Quella dei rapporti con le dittature sudamericane è una delle pagine più oscure della Storia della Chiesa. Arturo Paoli ne sapeva qualcosa.
    Forse se Giovanni Paolo II e Benedetto XVI non avessero “ostacolato” la Teologia della liberazione e il movimento che aveva creato la Chiesa del Sudamerica starebbe meglio.

    RISPONDI
  • Admin
    14 gennaio 2016, 21:50

    Da vero anticlericale fuori la chiesa da ingerenze quotidiane e politiche

    RISPONDI
  • Admin
    15 gennaio 2016, 00:07

    Fosse buono libererebbe Ratzinger ridandogli il posto

    RISPONDI
  • Admin
    15 gennaio 2016, 10:51

    @tutti

    Lo stesso odio, disprezzo o riluttanza verso la chiesa, è uguale anche verso l’islam?

    Per curiosità..

    RISPONDI
  • Admin
    1 febbraio 2016, 22:53

    vedo molti già brandiscono i martelli dell’islam in difesa del cattolicesimo e del loro essere poveri di pensiero. Come se non fosse evidente quanto la religione, qualunque essa sia, non sia altro che uno strumento per arrivare al potere, da parte del califfato, papato o di qualunque altro discepolo della volontà di dominio. Grandi custodi della vera favola, unica e assoluta. Tutte le religioni sono uguali, involucri e propagandistici mali attraverso il trionfo della morte, ostacoli della ragione, ricettatori di schiavi e promulgatori della schavitù. Ipocriti predicatori del nulla assoluto, baratri dove viene sepolta la conoscenza. E’ questo è un pontefice ancora più ipocrita degli altri, perchè ci prende tutti in giro facendo finta di darci il contentino ma continuando a farsi i suoi sporchi comodi.

    RISPONDI
  • Admin
    2 febbraio 2016, 00:07

    @ANARCHICO SURREALISTA

    Rispondi male, anzi non rispondi ad una domanda ben precisa.
    Se c’è da giudicare la chiesa, tutti contro essa.
    Se c’è da giudicare (esempio) l’islam, tutti contro tutte le religioni.
    Gira che ti rigira, la paura di saltare per aria è forte anche per voi.
    Nessun grande pensiero si cela dietro il mio precedente commento…solo una semplice curiosità, tolta da un soggettivo fumoso tuo commento.

    Quindi..dai contro Papa Francesco che è più facile..olè!..e nel frattempo, tra un insulto e l’altro, via con graffiti sui muri ed auto bruciate…

    RISPONDI
  • Admin
    2 febbraio 2016, 10:02

    @ITALIAJNO CURIOSO,
    è facile andare contro al Papa perché abbiamo il suo (ipocrita) esempio in casa e sappiamo cosa fa.
    Mi spiego: dice “la povertà” dalle sue stanze traboccanti oro, dice “la castità” tra le sue file di pederasti.
    Questa è ipocrisia.

    Di ciò che predicano gli Imam e di come lo realizzano nelle loro terre sappiamo poco, a parte ovviamente lapidazioni ed impiccagioni varie, che però non sono ipocrisie ma semplicemente barbarità (e quindi qui l’attacco è alla religione).

    Mi sembra semplice

    RISPONDI
  • Admin
    2 febbraio 2016, 10:19

    @DIBI

    Vero. Ma sostengo di nuovo il mio discorso.
    Inoltre già con il tuo “semplicemente barbarità” (sottolineo il semplicemente) si conferma quanto penso.

    RISPONDI
  • Admin
    2 febbraio 2016, 10:38

    @ITALIAJNO CURIOSO, non fare sofismi.
    “semplicemente barbarità”, il semplicemente non sta a significare “oh, hanno impiccato l’ennesimo gay, sticazzi”, sta a significare che è barbarità, né più né meno, sicché c’è poco altro da aggiungere.

    semplicemente
    [sem-pli-ce-mén-te]
    avv.

    1 Con semplicità, naturalezza, in modo semplice: esprimersi s.

    2 Soltanto, solamente: volevo darti s. un consiglio

    RISPONDI
  • Admin
    2 febbraio 2016, 12:41

    sinceramente, mi fanno più simpatia gli imam e gli ayatollah genuinamente integralisti, di quell’ipocrita di Bergoglio, che si affaccia al terrazzino a fare i suoi sermoncini strappalacrime, populisti, irresponsabili e fuori dal mondo, e poi nelle retrovie manda avanti le truppe corazzate dei vari Bertone, Bagnasco e tutta la congrega delle varie commissioni di bioetica

    negli ospedali e nelle camere da letto la gente muore perdendo sangue (non vi dico da dove) per i tumori, e questo antipatico demagogo ci fa i sermoncini sul “dono della vita”

    ci spiegasse cosa ne è stato di eleonora orlandi e della claps, invece di raccontarci che c’era un capellone che camminava sulle acque

    RISPONDI
  • Admin
    2 febbraio 2016, 12:52

    io buonismo non e’ mai vero e’ falso sempre

    RISPONDI
  • vincenzo russo
    14 marzo 2018, 16:21

    Perché lo chiamate Santo Padre, se in effetti francesco è il falso profeta, che precede l’Anticristo di soli pochi anni? Non temete di offendere un vero papa, non parlando dell’Apostasia della Chiesa vaticana massone? La scrittura che Satana non prevarrà sulla Vera Chiesa di Cristo, si applica ai cattolici ed ai Santi già in cielo, ovvero alla Chiesa invisibile e già gloriosa. Non si applica affatto a francesco l’apostata. Esistono comunque anche dei cattolici fedeli dispersi e nascosti simbolicamente nelle nuove catacombe: "Il pastore è stato colpito, (l’ultimo papa cum dignitate ovvero l’ultimo Katekon Pio XII), e le pecore sono state disperse". La Vera chiesa dei soli laici fedeli al vecchio catechismo tridentino, sono rimasti però senza sacerdoti e senza vescovi e senza Papa, perché nel 1958 la Sede petrina rimase vacante con l’elezione del primo antipapa falso e massone. Poi poco dopo il Concilio V. II apostatò disperdendo la vera Religione e sostituendola con il cattocomunismo massone dei Dossettiani e di La Pira e dei focolarini e dei neocatecumenali ecc.
    Padre Pio fu invece perseguitato e le profezie della Salette e di Fatima furono disprezzate e nascoste al mondo.
    Ora attendiamo il trionfo della Madonna, che ci porterà a Gesù Cristo insieme alla venuta dei due profeti, che ricondurranno i figli ai padri ed i padri ai figli.
    Anche i cattolici tradizionalisti purtroppo hanno apostatato nel conclave del 1958 e nel vaticano II, perché non hanno scomunicato il I falso papa ed hanno fatto dimettere il vero papa il cardinale Siri, prima eletto da loro con lo Spirito Santo e poi dimesso con lo spirito massonico.
    Ora non esistono più Santi sacerdoti, ma solo pochi laici ancora fedeli. Gli ecclesiastici sono solo divisi in conservatori e modernisti.
    Riducetevi allo stato laicale e smettete di credervi ancora ecclesiastici.

    RISPONDI
  • gianni parenti
    15 marzo 2018, 16:42

    Cara Redazione,
    il mio non è un commento a questo articolo, ma una richiesta di motivazioni.
    Non riesco proprio a capire quale siano le motivazioni che vi portano a pubblicare commenti su articoli apparsi anni fa.
    Questo per esempio è del 15 ottobre 2015, commentato nel 2015 e 2016. Nel 2017 non è stato più considerato… ieri qualcuno è andato a ripescarlo ed ecco che ripartono i commenti.
    Forse per non creare disorientamento fra i lettori, meriterebbe da parte Vs almeno un "cappello" come refresh dell’articolo.
    Ringraziando per l’attenzione, resto in attesa di una Vs cortese risposta

    RISPONDI
  • chierico
    16 marzo 2018, 10:06

    ci sono due papi ; ratzinger recluso per ordini superiori a Lui e l’altro un vero attore , a capo della nuova sinistra mondiale , dove la chiesa non e’ piu’ guida spirituale ma politica.

    RISPONDI
  • foglionco
    16 marzo 2018, 15:19

    un tempo le persone che avevano amici immaginari le rinchiudevano nei manicomi….

    RISPONDI
  • studioso
    16 marzo 2018, 15:45

    tutti i PAPI sono chiamati SANTO PADRE , da vivi : unici casi un cui un SANTO e’ definito tale in VITA.

    Poi per vedere se effettivamente e’ un vero PAPA andrebbe visto il tatuaggio che hanno sotto le ascelle.

    RISPONDI
  • jesuispapavero
    16 marzo 2018, 21:23

    vedete cari , il Papa ODIERNO , e’ a tutti gli effetti un impostore e cio’ e’ perfettamente capibile dalla gente un po’ piu’ perspicace che riconosce che ha abbandonato totalmente la dottrina della chiesa , della Bibbia e delle parole di GESU’..lui "non giudica" nascondendo la verita’ sotto forma di buonismo mondialismo…con lui tutto va bene..la dottrina della chiesa e’ sparita rimane solo l’immagine di un uomo sempre in campagna elettorale..

    RISPONDI

.

Newsletter

Creocoworking