Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca: stabile il consuntivo 2014

LUCCA, 4 maggio – Resta stabile la Fondazione Cassa di Rispamio di Lucca, unico grande motore dell’economia e della cultura della città. Ammonta infatti a oltre 48 milioni di euro l’avanzo di gestione del 2014, in linea con il 2013. Aumentano invece i fondi erogati per le attività del territorio: da 29,7 milioni di euro del 2013 a 32,5 milioni.

Negli anni 2011 – 2014 la Fondazione ha accantonato 175 milioni di cui 107 sono poi stati riversati sul territorio per dare respiro a piccole realtà, grandi progetti di ristrutturazione, festival e manifestazioni culturali, ma anche edilizia scolastica, volontariato e sanità.

Nello specifico sono stati 660 gli interventi coperti nel 2014, per un totale di 32.771.559 euro di cui: 12,4 milioni per educazione e ricerca, 11 milioni per arte e cultura, 5,8 per il volontariato, 2,3 per i lavori pubblici e lo sviluppo locale, 1 milione per la salute pubblica.

Lavori di pubblica utilità e beni culturali.

L’impegno della Fondazione Cassa di Risparmio per restaurare le Mura Urbane si è concretizzato in un finanziamento iniziale di quasi 7 milioni di euro negli anni 2012-2014, a cui sono andati ad aggiungersi altri 4 milioni da spendere nel 2015-2016.

Sono già stati eseguiti lavori per un totale di 7,6 milioni di euro: Casa del Boia, casermette San Salvatore e San Pietro, restauro di Porta Elisa; conclusi anche i primi lotti sia per la riduzione dell’asfalto che per la pulizia dei paramenti.  I prossimi lavori comprenderanno: il completamento della pulizia dei paramenti esterni (previsto entro settembre 2015), nuova illuminazione, nuove piste ciclabili, restauri di Porta San Jacopo, Porta San Donato e della casermetta San Regolo. 

Anche il Mercato del Carmine, da anni in stato di abbandono, è stato oggetto di erogazioni da parte della Fondazione. In attesa della stipula della protocollo di intesa con il Comune di Lucca che dovrà indicare quelli che sono gli interventi più urgenti da portare a termine, si sono intanto conclusi i lavori di messa in sicurezza del tetto che copre il chiostro. Complessivamente per il restauro e la valorizzazione del Mercato del Carmine sono stati stanziati 3milioni di euro.

Un anno fa, nel marzo 2014, è stato stipulato un protocollo d’intesa con il Comune di Viareggio per la riqualificazione della Pineta di Ponente. Un intervento di 1 milione e mezzo di euro che servirà a ripulire la zona, tagliare alberi e piante pericolanti e piantarne altri, installazione di una nuova illuminazione e di nuovi arredi urbani, oltre alla regimazione dei fossi delle acque superficiali.

Scuola: edifici e progetti

Sono 58 gli interventi previsti nell’ambito dell’edilizia scolastica rientrati nel bando triennale emanato nel 2013. I fondi, circa 20 milioni di euro, vanno ad unirsi ai 14,5 milioni messi in campo dalle amministrazioni locali. Dalla Garfagnana alla Versilia, gli interventi realizzati sono 26 per un valore di 7,6 milioni di euro, mentre sono ancora in corso lavori in 12 situazioni diverse per un ammontare complessivo di 10 milioni di euro. Tra i tanti interventi, sono stati concessi 1,6 milioni di euro per il restauro della scuola media G. Carducci.

Nel 2014 si è inoltre confermato l’impegno per l’innovazione scolastica: con un investimento di 400mila euro sono state acquistate 72 lavagne interattive multimediale, oltre 300 computer e tablet e sono stati installati sistemi antintrusione in 17 edifici. Nel quinquennio 2010-2014 sono stati stanziati quasi 2 milioni di euro per l’innovazione scolastica.

Sanità e volontariato

E’ costata circa 750mila euro la digitalizzazione del Nuovo Ospedale San Luca, circa il 14 per cento del totale che ammonta a 5,5 milioni di euro. Il contributo della Fondazione va a sostenere la creazione del SIO, sistema informativo ospedaliero che permetterà una più snella gestione dei pazienti e relative cartelle, che saranno digitalizzate e rese più fruibili grazie all’utilizzo dei tablet.

Anche per il 2014 sono stati stanziati 200mila euro per l’ammodernamento dell’Ospedale Versilia: il contributo ha coperto le spese per il rinnovo della piattaforma rete Server e Storage, abbattendo i costi di manutenzione e i consumi energetici.

“Con il protrarsi della crisi che ha investito famiglie e aziende – commenta il presidente Arturo Lattanzi -, la Fondazione si è orientata da un lato allo sviluppo del territorio, sostenendo iniziative pubbliche e private che avessero ricadute occupazionali e d’impresa; dall’altro, partecipando a iniziative rivolte ad alleviare i singoli e le famiglie quali il microcredito e il progetto di inclusione-lavoro, mirato all’inserimento lavorativo dei giovani e degli adulti che vivono situazioni di disagio”.

Sara Berchiolli
@saraberchiolli

1 commento

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

1 Commento

  • Alessio
    4 maggio 2015, 18:10

    La Procura si occuperà presto anche della Lucca Solare e della Il Leccio Spa e prove alla mano, ascolteremo volentieri il Sig Lattanzi che ci spiega dove son finiti 100 milioni di euro.
    Cordiali saluti

    RISPONDI
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter