Un corso gratuito di “Tecnico qualificato in mediazione linguistica e culturale per immigrati”

LUCCA, 4 novembre – Sono aperte le iscrizioni per il corso di formazione professionale in “Tecnico qualificato in mediazione linguistica e culturale per immigrati”.

Negli ultimi anni stiamo assistendo ai cambiamenti delle società e delle comunità sociali per i  processi di globalizzazione e dei flussi migratori sempre più diffusi. In questo ambito si colloca la nascita e la definizione di una nuova figura professionale come quella del Mediatore Culturale e Linguistico per immigrati.

Il mediatore culturale e linguistico è una figura professionale che svolge un collegamento fra persone immigrate ed enti pubblici, associazioni, aziende, strutture socio-sanitarie, facilita il dialogo e la comunicazione, media i conflitti che possono nascere dai contatti con culture e comunità diverse, promuovendo una cultura dell’integrazione. Il mediatore ha il ruolo di condurre non solo l’attività di interpretazione linguistica, ma di svolgere anche un interpretariato sociale e culturale, diventando così un “atleta dell’incontro” (cit. Lorenzo Luatti).

Il corso, cofinanziato dal F.S.E., è totalmente gratuito e prevede una formazione di 600 ore, di cui 240 di stage, da dicembre 2011 a settembre 2012 per 15 allievi. La sede di svolgimento è a Castelnuovo Garfagnana, le iscrizioni terminano il 14 novembre 2011 e seguirà una selezione qualora il numero degli iscritti sia superiore a 15.

Per informazioni, ritiro moduli e iscrizioni: Ial Toscana, c/o Cisl Lucca, viale Puccini 1780 Sant’Anna Tel. 0583 508811. È previsto un sportello di primo orientamento: Martedì ore 15-18 Cisl Viareggio, Largo Risorgimento 9, Mercoledì ore 9-13 e 15-18 Cisl Lucca, Viale Puccini 1780 Sant’Anna, Giovedì ore 15-18 Cisl Castelnuovo Garfagnana, via Vicolo al Serchio 8.

18 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

18 Commenti

  • Gentiana GJERMENI
    12 settembre 2013, 22:44

    MA SONO SEMPRE APERTI I CORSI??

    RISPONDI
  • Sara Landucci
    2 aprile 2013, 14:58

    Scusate, ma perche continuate a commentare e a far polemica su un articolo che e’ uscito un anno e mezzo fa?!?!?
    Inoltre dice che all’epoca erano aperte le iscrizioni, non si sa se il corso sia andato o meno a buon fine…

    Ma leggete il testo o fate finta?

    RISPONDI
  • paolo
    2 aprile 2013, 12:48

    Cara Elisa
    sarà mica un corso per far assumere presso enti pubblici i soliti amici del partito dei sinistrati e dargli un bel posticino di lavoro pagato dal contribuente come ringraziamento del supporto dato??!?!?!
    Può essere?!

    RISPONDI
  • sara
    2 aprile 2013, 10:32

    bene
    ottima iniziativa

    RISPONDI
  • ELISA BACIOCCHI
    1 aprile 2013, 20:05

    Sono corsi finanziati con Fondo Sociale Europeo, gestiti da agenzie formative accreditate presso Regione Toscana. L’assegnazione avviene tramite un bando pubblico. Semmai, avrei qualche perplessità sull’utilità e sugli sbocchi lavorativi. Il mediatore culturale non è altro che una persona che conosce l’italiano ed una lingua parlata dagli immigrati (es. albanese, rumene ecc…) ed ha anche conoscenze della civiltà straniera afferente in grado di favorire, in senso lato, l’integrazione dell’immigrato. Ma quali sono gli enti pubblici che assumone in pianta stabile un mediatore culturale?: ESistono, comunque, dei corsi universitari, ben fatti e certamente di livello superiore.

    RISPONDI
  • giorgio
    1 aprile 2013, 18:10

    basta parassitismo,ci stiamo auto distruggendo

    RISPONDI
  • POPULIST
    1 aprile 2013, 15:32

    Un altro fenomeno in stile Boldrini è l’ineffabile Pino Arlacchi.

    Oppure mi viene in mente tutta la ghenga della “scuola della pace” di Lucca, o il famigerato “assessorato al perdono” in regione.

    E’ inutile: purtroppo hanno vinto loro.

    (e poi mi vengono a dire che la generazione del ’68 ha perso)

    RISPONDI
  • paolo
    1 aprile 2013, 14:18

    caro populist vedo che purtroppo siamo in pochi a cogliere i risvolti devastanti di queste inizative. Praticamente c’è gente che si rallegra se qualcuno ha pigiato il bottone dell’autodistruzione.
    La Boldrini come hai detto ha vissuto in queste organizzazioni parassitarie dell’ONU succhiando sangue come fanno le sanguisughe ed adesso ce la ritroviamo ai massimi vertici dello stato!!!!
    Pietà, pietà, pietà, pietà!!

    RISPONDI
  • luxa
    31 marzo 2013, 21:34

    ottima iniziativa
    bravi
    finalmente ci si avvia a diventare un paese civile e moderno
    alla faccia dei soliti rancorosi …in estinzione ormai

    RISPONDI
  • POPULIST
    31 marzo 2013, 19:26

    Caro PAOLO, c’è gente che su questi “corsi” e queste “iniziative” ci campa.

    Qualcuno c’ha costruito sopra fior di carriere.

    Altri (Boldrini), su queste cose sono addirittura arrivati alla presidenza della camera.

    Basti vedere la scompostezza con cui difendono l’indifendibile, anche su queste pagine.

    RISPONDI
  • paolo
    31 marzo 2013, 09:56

    La trasparenza non è il vostro forte vedo. Innanzitutto che cos’è l F.S.E.?
    e poi il corso è gratuito per i partecipanti ma non credo che lo sia per il cittadino visto che i soldi per pagare le spese (compensi agli insegnanti e altre spese varie) saranno sicuramente attinti dalle tasche del contribuente!!+Queste iniziative sono assolutamente sbagliate e assurde. Io cittadino dovrei pagare per far integrare gente che sfrutta i nostri servizi sociali??!?!? Vergogna!
    Basta con queste iniziative da SINISTRATI!!! Gli extracomunitari che vogliono integrarsi che si diano da fare. Imparino la lingua e si districhino anche loro come faccio io nella giungla della burocrazia comunale, provinciale, regionale statale e parastatale! Non c’è nessuna esigenza assolutamente di creare economie attorno ad un fenomeno che ha anche risvolti illegali (questo tecnico si interfaccerà sicuramente anche con clandestini). A questo punto anche io che sono italiano vorrei un corso gratuito per la creazione di un tecnico che mi interfacci con le culture di questi popoli che sono presenti in italia mi dica come mi devo comportare per non urtare le loro sensibilità!

    RISPONDI
  • pasquale
    30 marzo 2013, 20:28

    buonasera e buona pasqua, insegno a viareggio vorrei sapere per mia moglie non residente in toscana, se inizieranno altri corsi di mediatore culturale

    RISPONDI
  • palomino
    26 marzo 2012, 22:26

    Sono veramente interessata da questo corso e vorrei sapere la data in cui si terrà per la prossima volta. Grazie

    RISPONDI
  • malika
    2 marzo 2012, 22:53

    Buongiorno,

    Vostro corso mi interessa molto visto l’aiuto che si può dare a chi ne ha bisogno. Però non so quale la data in cui si terrà il corso per la prossima volta. Quindi Vi chiedo si è possible d’informarmi per fare l’iscrizione in tempo adeguato.
    Vi ringrazio in anticipo.

    RISPONDI
  • AMINA
    10 novembre 2011, 13:43

    sono laureata (lingua straniera) voglio anche io fare questo corso grazie

    RISPONDI
  • AMINA
    10 novembre 2011, 09:39

    sono laureata lingua straniera voglio anche io faccio questo corso

    RISPONDI
  • Sandra
    7 novembre 2011, 09:28

    Il corso è aperto a tutti, anche se residenti fuori dalla provincia di Lucca.
    Al momento non mi risultano corsi simili nella provincia di Pisa, provi a vedere sul sito della provincia di Pisa-formazione professionale.

    RISPONDI
  • Veronica Drugas
    5 novembre 2011, 15:14

    Buongiorno,

    Sono Veronica Drugas, traduttrice ed interprete giurata residente a Pisa. E’ possibile anche per me seguire il vs corso? Sul territorio pisano non sono previsti tali corsi?

    Grazie in anticipo

    Veronica Drugas

    RISPONDI

.

Newsletter

Estate 2016 – Associazione Musicale Lucchese
Programmatore Abstraqt
Mostra Piazza S.Martino

Twitter