Le opere di Giovanni Acci in mostra a Pietrasanta

Le opere di Giovanni Acci in mostra a Pietrasanta

PIETRASANTA (Lucca), 13 dicembre – A cento anni dalla nascita, l’Assessorato alla Cultura dedica un’ampia retrospettiva al pittore fiorentino Giovanni Acci, a lungo vissuto a Marina di Pietrasanta. Un percorso espositivo con opere inedite, ospitato nella chiesa e nel chiostro di Sant’Agostino, che si apre sabato 18 dicembre, alle ore 18.00, sino al 6 febbraio 2011, curato dalla figlia, Maria Acci Kazantjis, accompagnato da un catalogo realizzato in collaborazione con Lodovico Gierut, presidente del Comitato Archivio artistico – documentario Gierut.

Saranno esposti, insieme per la prima volta, cento dipinti di vari soggetti: autoritratti, nature morte, paesaggi, figure a sfondo mitologico o religioso, di forte valenza storica e spiccata drammaticità. Si tratta di opere di grandi dimensioni che ripercorrono la carriera dell’artista, alcune inedite, riunite appositamente per l’evento espositivo; buona parte sono di proprietà di famiglia, molte provengono da collezioni private e pubbliche, chiese, musei, istituti di credito.

Sarà possibile conoscere l’artista attraverso le sue opere, ma anche scoprire aspetti del suo carattere e della sua poetica, ripercorrerne momenti della vita attraverso suoi scritti e fotografie che lo ritraggono nel suo studio, durante le mostre, in ambito familiare. Un ritratto dell’uomo e del pittore nelle diverse fasi della sua carriera artistica. Le opere di Giovanni Acci sono l’essenza della vita quotidiana descritta a colpi di pennello. Le sue figure, d’imponente plasticismo, escono dalla tela assumendo una dimensione scultorea. Emergono solenni, intense, acute, spesso cariche di forza drammatica.

Legatosi negli anni ‘47 -’49 ai “Pittori Moderni della Realtà”, partecipa a tutte le mostre organizzate dal gruppo di cui erano autorevoli esponenti Pietro Annigoni, Antonio e Xavier Bueno, Carlo Guarienti, Gregorio Sciltian e Alfredo Serri, artisti attivi tra Milano e a Firenze che si riconoscevano in una assoluta fedeltà alla figurazione. E’ proprio in quegli anni che matura l’idea di trasferirsi in Versilia, a Marina di Pietrasanta, dove si sposterà con la famiglia nel 1955, sino alla morte avvenuta nel 1979.

Sue opere figurano nelle maggiori collezioni pubbliche e private, in Italia e all’estero.

“Sono veramente lieto – afferma il sindaco Domenico Lombardidi ospitare la mostra di questo grande artista per il quale nutro una profonda ammirazione e verso il quale avverto una personale consonanza di sentimento. La sua anima ci parlerà ancora attraverso le tele”.

L’esposizione sarà visitabile dal martedì alla domenica, nell’orario 16-19, ingresso libero.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online

Twitter